Un’agricoltura moderna ed ecosostenibile: oliveti centenari, frutteti di varietà antiche, lavande ed erbe selvatiche sono coltivati nel pieno rispetto dell’ambiente.
Il nostro principale obiettivo è la tutela dell’ambiente e la qualità dei prodotti. Naturalmente questo, con la limitata quantità prodotta artigianalmente e senza trattamenti chimici, comporta elevati costi e molto lavoro. Un esempio; durante l’estate per aiutare gli olivi a superare la stagione siccitosa, trituriamo gli scarti della potatura, disponendoli intorno ai tronchi, per dare maggiore umidità naturale alle radici superficiali.

Erbe Aromatiche

  • Lavanda: tra giugno e luglio, in fase di prefioritura, si raccolgono le spighe di lavanda per estrarre l’olio essenziale con cui si profumano i diffusori di essenze ed i saponi naturali.
  • Finocchietto selvatico: a fine estate i semi quasi maturi di finocchio vengono raccolti per la produzione di olii essenziali e fatti essiccare per uso culinario.
  • Ginepro: In inverno le bacche di ginepro forniscono un ottimo olio essenziale per profumare i saponi, vengono inoltre essiccate per insaporire le carni.
  • Rosa canina*: vengono raccolti i “falsi frutti” o cinorrodi per la produzione di gelatine con un elevato contenuto di vitamina C .
    *I botanici greci descrivevano i “falsi frutti” contornati e rivestiti da una scintillante corazza di corallo, kynorrhodon
  • Melissa: pianta delle api le sue foglie vengono raccolte in primavera e messe a essiccare, ha proprietà sedative e spasmolitiche.
  • Iperico*: i fiori vengono raccolti in primavera e messi a macerare in olio extravergine di oliva, contiene ipericina che dona un colore rosso intenso.
    *Hyper=sopra, Eikon=immagine; si usava appendere líerba sopra le immagini delle divinità per allontanare gli spiriti del male, Plinio cita un trattamento a base di iperico per le ustioni.
  • Elicriso*: sole díoro, i capolini fioriti vengono raccolti da luglio ad agosto e fatti seccare in un luogo ombroso aerato.
    *Leonardo Santini, noto erborista toscano, cita le sue proprietà antireumatiche e dermatologiche.
  • Biancospino: vengono raccolte le bacche rosse per la produzione di gelatine con un elevato contenuto di vitamina C e con proprietà rilassanti.
  • Sambuco: le bacche mature di colore viola scuro vengono utilizzate per la produzione di composte.
  • Ribes rosso: a inizio estate vengono raccolti i frutti per la produzione di gelatine con un elevato contenuto di vitamina C.
  • Origano selvatico: quando la pianta è in fioritura viene raccolta per la produzione di olii essenziali ed erbe aromatiche.